• 09Jun

    Durante tutti gli anni ’60 Abbey Road fu utilizzato dai Beatles, George Martin e Geoff Emerick per registrare i più grandi successi del gruppo e la foto di copertina del disco chiamato proprio ‘Abbey Road’, con i 4 musicisti che attraversano le strisce pedonali di fronte agli studi, ebbe un forte impatto sull’immaginario collettivo, tanto da farli diventare meta di pellegrinaggi di fans alla ricerca dei loro idoli.
    In seguito i nomi più importanti della musica pop/rock inglese, ma anche americana e di tutto il mondo, cominciarono a diventare assidui frequentatori di quello che venne definito ‘lo studio di registrazione più importante del mondo‘.
    L’elenco è infinito e va dai Pink Floyd ai Led Zeppelin, dagli U2 agli Oasis, dai Radiohead ai Green Day, e continua tutt’ora ad allargarsi.
    Gli Abbey Road Studios sono infatti ancora vivi e vegeti, con l’imponente Studio One che risulta ancora essere la sala di registrazione più grande al mondo, capace di contentere una orchestra sinfonica di 110 elementi e contemporaneamente un coro di 100 persone.
    Se siete cuorisi andate a visitare il loro sito.