• 17Jun

    Nelle due parti precedenti di questo articolo abbiamo cominciato a descrivere le difficoltà e gli aspetti negativi della vita dei fonici sia da concerto sia da studio di registrazione, questo non per scoraggiare chi voglia avvicinarsi alla professione ma semplicemente per avvertire che non sono sempre tutte rose e fiori.
    Vediamo invece ora quali sono le possibilità offerte per chi vuole imparare la professione. Prima di tutto andiamo a considerare le scuole.
    Le scuole per tecnici del suono ovviamente non sono tutte uguali, anzi si differenziano moltissimo per costi, programmi, tipi di materie insegnate, e quant’altro.
    E’ da sempre dibattuto tra fonici se in generale queste scuole servano a qualcosa ed al riguardo ci sono due posizioni, cioè quelli che sono convinti che  questo tipo di professione non si possa insegnare in una scuola e quelli che invece sono più possibilisti e pur ammettendo che ci vogliono anni per ‘farsi le orecchie‘ credono che una infarinatura generale in una scuola dia un valido punto di partenza.
    Il vero caposaldo da considerare è proprio quello che effettivamente per una persona di medie capacità ci vogliono anni di esperienza per poter poi lavorare ad un livello professionale: alcuni dicono che bastano 2 anni, altri che ce ne vogliono almeno 5. Comunque la si metta nessuno è diventato un fonico in grado di lavorare indipendentemente e professionalmente nel giro di pochi messi. Almeno che si sappia.
    Ci sono comunque motivazioni valide da parte di entrambi gli schieramenti: pochi per esempio sanno che Nigel Godrich (produttore di Radiohead, Beck, Paul McCartney etc) ha frequentato la School of Audio Engineering (scuola di tecnico del suono con sedi in tutto il mondo)?
    Da tenere sempre in considerazione quando si deve scegliere una scuola per fonici sono comunque almeno due importanti dettagli.
    Il primo riguarda l’esistenza di prove pratiche, che sono assolutamente essenziali, e che devono occupare almeno la metà del corso.
    Il secondo dettaglio riguarda l’esperienza degli insegnanti, molte scuole infatti per risparmiare qualificano come insegnanti studenti che hanno appena finito il corso e che hanno pochissima o nulla esperienza di studi di registrazione commerciali e che quindi non possono fornire adeguati insegnamenti agli studenti.